perAspera pillola 1 SURPLAS 3 febbraio

peraspera logo 2014

 


Piattaforma di arti performative contemporanee, perAspera nasce nel 2008 a Bologna dall'associazione culturale alberTStanley con l'intento di portare il respiro dell'arte performativa contemporanea nei luoghi storici.

Il festival transdisciplinare – performing art, teatro, danza, musica, installazioni, progetti speciali – ha abitato principalmente la settecentesca Villa Aldrovandi Mazzacorati, in Via Toscana 19, sui primi colli bolognesi. Una villa che, al suo interno, nasconde il Teatro 1763, gioiello architettonico che nei giorni del festival si apre completamente alla città, ospitando interventi artistici multidisciplinari a bassissimo impatto ambientale ed altissimo impatto emotivo.

Tra gli altri luoghi abitati da perAspera vi sono stati il Baraccano e – con il progetto perAspera in tour – Villa Smeraldi (Bentivoglio) e la Rocca dei Bentivoglio (Bazzano).
Negli anni, il progetto si è idealmente ampliato, includendo tra i suoi obiettivi l'abitare temporaneo delle arti performative in luoghi non deputati, come l'ex spazio industriale „Senza Filtro“ (Planimetrie Culturali) e il Parco della Montagnola.
Gli artisti sono selezionati da perAspera sulla base di due criteri: una open call per le arti performative estesa a livello nazionale e l'individuazione da parte della Direzione Artistica di proposte performative contemporanee, sia dall'Italia che dall'estero. 

Proprio in Montagnola nel 2013 nasce perAspera / Accademia Invernale, laboratori e sperimentazioni di arti performative, luogo di formazione e di esperienza nell'ambito delle arti performative contemporanee.

A febbraio 2015 nasce perAspera pills, ciclo di eventi a cadenza mensile, per non perdere il gusto del nuovo Contemporaneo performativo.